LA MIA VISIONE DEI CORSI GORDON

musica bambini musindò gordon

UN PERCORSO DI APPRENDIMENTO FIN DALLA NASCITA

Oggi ti parlerò dei corsi di Musindò, che rinnovo ogni anno, con cura e attenzione. Un po’ perché non mi piace la staticità e per natura ho bisogno di cambiamento (a volte anche questo lavoro può diventare ripetitivo se non se ne ha cura).

Rimanere fossilizzati nella teoria è una cosa che non si sposa con la Music Learning Theory: dinamica per definizione, ti spinge sempre al confronto e ti apre a nuovi orizzonti.

Qui ti presento quella che è la mia visione della Music Learning Theory all’interno del progetto Musindò: se vuoi approfondire la teoria nello specifico non perderti il nostro appuntamento speciale del 18 Settembre alle 18.00 e puoi sempre leggere qui sul mio sito la sezione dedicata (non voglio farti l’ennesimo pippone sulla teoria, ma dartene una visione nuova!)

musica bambini musindò gordon

MUSINDO’ PER I PICCOLISSIMI 0-36 MESI: LA MUSICA E’ UNA COSA SERIA!

Per loro, il primo step Gordon è quasi una bolla di suono: li immergiamo in una stanza in cui tutti gli adulti cantano, anche mamma e papà. Il clima è sereno e rilassato, l’apprendimento è ai massimi livelli (tra 0 e 18 mesi in particolare) e tutti i presenti nella stanza godono della musica come fosse l’ossigeno che respirano. Le parole restano fuori dalla porta, come i cellulari e le scarpe. Entriamo in un mondo sonoro dove tutto diventa musica, anche le prime risposte spontanee dei bambini. Ci si muove, non ci si muove: liberamente, si lascia fluire la musica attraverso il corpo, così come arriva.

 

MUSINDO’ 3-4 ANNI: ENTRO DA SOLO!

Il primo distacco, guidato, sereno: si accompagna il bimbo ad entrare nella stanza di musica senza mamma e papà, ma con i suoi compagni. Chi prima, chi dopo: la musica ci chiama tutti, si sceglie una sedia in cui ci aspettano i grandi nella stanza accanto, e si va…si salta, si gioca, ssshht non si usano le parole qui, Maestra (sottovoce) voglio giocare con la musica, ho inventato un gioco con i pattern, usiamo il paracadute…e la musica fluisce nei loro corpicini di bimbi, si insinua silenziosa portando avanti un processo che li guiderà poi alla consapevolezza.

 

MUSINDO’ 5-6 ANNI: SI COMINCIA!

Questo percorso è unico nel suo genere, non ce ne sono in giro che combinano così la MLT: è un anno intenso, di passaggio, che ho pensato apposta per guidare il bambino alla consapevolezza corporea e alla scelta dello strumento. I giochi si fanno strutturati, così come inizia ad essere il mondo esterno al bambino. Lavoriamo sulla coordinazione corporea in relazione alla musica e al respiro, sull’intonazione e il senso ritmico che si fanno sempre più oggettivi, sull’improvvisazione e sulla creatività intrinseca del bambino. E contemporaneamente, iniziamo il primissimo approccio sullo strumento: iniziamo a conoscerli, tutti, dal pianoforte alla chitarra, dalla batteria al violino, dagli strumenti a fiato…alla fine di quest’anno il bambino, in totale libertà e consapevolezza (sì, anche se sceglie la batteria!!!) saprà quale strumento vuole iniziare a suonare veramente.

 

MUSINDO’ 6+: ECCO LO STRUMENTO!

Finalmente, dicono mamma e papà: ma sanno anche loro che tutto quello che abbiamo fatto finora a musica ha contribuito profondamente ad arrivare fino qui. Da adesso in poi si lavora sulla motivazione intrinseca del bambino, che deve arrivare da lui: suonare uno strumento comporta impegno, dedizione, conquiste e sentimenti nuovi. Abbiamo insegnato al bambino contenuti a livello informale: ora cominciamo a dare un nome a tutto, a riconoscere, a confrontare, a leggere e scrivere. Improvvisiamo sullo strumento come primo approccio comunicativo, le prime melodie e linee di basso per suonare insieme. Il percorso di apprendimento è basato sul momento musicale di ogni bambino: rispetta i tempi, e ognuno arriverà dove deve. Non è una questione di talento: è una questione di rispetto dell’essere umano che si ha di fronte, cercando di eliminare l’ansia da prestazione e lasciare spazio alla libertà di esprimersi e di suonare.

 

So che a questo punto ti starai chiedendo…ma per me che sono già adulto, non c’è un percorso? E’ tutto così affascinante che vorrei farlo anch’io…

 

Sai, il bello della Music Learning Theory è che non è un metodo: sono teorie dell’apprendimento musicale. Sono linee guida che ogni insegnante apprende per proporre e comporre il percorso migliore per il suo allievo. Da qui puoi capire che questo percorso, con le dovute accortezze, può essere applicato anche all’adulto: si tratta di proporre una sequenza di apprendimento corretta, in cui tutto diventi fluido e piacevole, come è la musica in verità. E si, può essere applicato ad ogni strumento, dal pianoforte fino all’ukulele!

 

Ora che ti ho accompagnato in quella che è la mia visione della Music Learning Theory all’interno del progetto Musindò, ti aspetto domani per parlarti degli spazi e darti i primi calendari dei corsi che potrai liberamente scaricare: non perderti l’appuntamento di domani, ci sentiamo alle 9.00!

Marta

PERCHE’ SONO DIVENTATA UN’INSEGNANTE

insegnante Musindò

QUELLO CHE SONO E’ PROPRIO QUELLO CHE VOLEVO DIVENTARE

insegnante Musindò

Oggi vorrei parlarti del mio percorso invece, quello che mi ha spinta fino qui. Studio da sempre per essere una musicista: ho iniziato suonando la chitarra e il pianoforte, a 10 anni circa (e se penso a quanto presto hanno iniziato i vostri bimbi, mi vedo il bianconiglio che mi passa accanto e grida “è tardi, è tardi!) 😀

A 17 anni circa, dopo un viaggio a Praga, ho sentito l’impellente bisogno di dedicarmi ad uno strumento a corde, il più solistico di tutti forse: il violino. Ho preso lezioni private con una bravissima insegnante, per circa 5 anni.

Ma mi mancava ancora qualcosa. Le lezioni private non mi bastavano, sentivo il bisogno di circondarmi di musica e di musicisti (beh si, parallelamente suonavo già nella mia band): avevo bisogno di entrare in una scuola di musica, ero proprio affascinata dall’esserne parte. Mi iscrissi così alla Scuola Civica, a Milano, ma non di violino: la mia natura curiosa, mai sazia, mi spinse fino a questo strano strumento che suono ancora oggi in Conservatorio a Milano. L’oboe.

Quello strumento strano che quando lo dici tutti ti guardano ammirati e dicono “wow, ha un suono bellissimo” (ma nella loro testa la forma e il colore sono un po’ nebulosi…assomiglia al flauto? E’ come il clarinetto? Boh!). Insomma, resta il fatto che mi accompagna ancora oggi nelle giornate di studio intenso. Croce e delizia.

Mentre passavo da uno strumento all’altro, ho iniziato anche però a capire che la mia strada non era sui palchi: mi piaceva e mi piace ancora un sacco, ma volevo qualcosa di diverso.

Volevo essere un’insegnante, e di un particolare tipo.

 

Esiste ancora questa strana credenza popolare per cui un insegnante è un musicista fallito: non sei bravo a suonare, non ti resta che insegnare per campare. Niente di più stupido, perché un musicista fallito non potrà mai essere un buon insegnante, non avendo fatto pace con se stesso e non avendo probabilmente compreso il suo vero rapporto con la musica.

 

Io adoro essere un’insegnante. Adoro gestire una scuola di musica (anzi, due!), pensare a quale potrebbe essere il percorso migliore per un allievo, e allo stesso tempo essere puntualmente smentita perché si impara sempre in due.

 

Per questo quando ho incontrato le teorie di Gordon e la Music Learning Theory, proprio con la nascita di mia figlia, me ne sono innamorata. Ho avuto dei formatori incredibili, e vi assicuro che non è così facile trovarli. Avevo già frequentato qualche corso di formazione per diventare insegnanti, ma poco soddisfacenti. Quando ho partecipato da mamma alle lezioni con mia figlia, e ai primi seminari introduttivi, ho capito che quella era la mia strada, e che potevo farla anche bene.

musica e bambini

 

Quello che sto facendo è esattamente ciò che voglio fare nella vita.

 

Ti assicuro, è una sensazione che ricordo ancora ora, ogni volta che entro a lezione coi bimbi, così come quando esco, stanca fisicamente dopo il loro vortice, ma felice. E’ qualcosa che non smetti mai di imparare, per cui devi sempre stare al passo, perfezionarti, migliorare: dare il meglio di te.

 

Avere un lavoro che ti permette di dare il meglio di te ogni giorno è faticoso, certo, ma è anche una cosa che mi riempie di gratitudine.

 

Perciò questo anno scolastico lo inizio ringraziandoti, per la fiducia, perché camminiamo insieme ai bimbi anche noi adulti, nella fatica degli orari quotidiani e nella bellezza del nostro appuntamento fisso.

E per dirti grazie anche di persona, ho pensato ad un appuntamento gratuito solo per i genitori, in cui possa con calma parlarti di queste splendide teorie di Gordon, ragionare insieme su alcune scelte (ad esempio perché non uso gli strumenti fino ad una certa età, perché non uso le parole a lezione).

 

IL TUO INVITO SPECIALE è per il giorno

MARTEDì 18 SETTEMBRE ORE 18.00

Alla Piccola Scuola Musindò in Via dei Carracci 10, Milano

 

Sarà sufficiente confermare la tua presenza cliccando inviando una mail a info@musindo.it, nome cognome e mi raccomando indicami anche il numero di persone (portiamo anche i papà? dai!).

Ci sentiamo presto!

Marta

SAI COSA SIGNIFICA MUSINDO’?

nuovo logo musindò

Avevo bisogno di aria nuova, di nuovi progetti…

nuovo logo musindò

Quindi oggi vorrei cominciare presentandoti il nuovo logo di Musindò: c’era bisogno di un restyling, per dare una veste più professionale a tutto il mio lavoro…ti piace? Sì lo so che eri affezionato al cerchio di bambini ma…

…Io impazzisco per quel colore e per la nomina che fa da accento!

 

Forse non abbiamo mai parlato a fondo del nome di Musindò, da dove è nata l’idea, cosa significa…

Ebbene, ora te lo spiego!

Musindò nasce nel 2015, quando ho sentito il desiderio di dare un nome definito ai miei corsi. Ero già una maestra di musica, dal 2012, ma chiamavo i miei corsi più genericamente “musica per bambini” e cose così.

Quello che avevo in testa invece, era qualcosa di molto più specifico.

Il nome è nato in una mattina d’Aprile, in cui lavoravo al progetto, che era già quasi pronto per essere lanciato ma al quale mancava ancora il nome. O meglio, mi frullava in testa già da un po’ di mesi, ma io non ne ero ancora convinta. In quell’anno ho frequentato i miei primi seminari sulla Music Learning Theory applicata allo strumento, e lì mi sono davvero innamorata: se la parte 0-6 anni è affascinantissima, la parte dai 6 anni in su in cui si comincia ad apprendere i contenuti musicali e tutti i pezzi del puzzle cominciano a incastrarsi giusti, mi ha davvero stregata.

Ho capito che volevo dedicarmi a quello anima e corpo, e comprendere nei miei corsi l’intero apprendimento musicale, dai primi mesi di vita fino all’adulto (e finalmente ci sono riuscita, quando ho fondato l’Atelier Musicale a Castano Primo, e la Piccola Scuola Musindò che aprirò tra pochi giorni a Milano!).

Nel percorso con lo strumento, si usa un modo di insegnare la musica, la notazione musicale in particolare, che è molto innovativa: si chiama DO MOBILE, e non ha niente a che vedere con il vecchio sistema del DO FISSO (teoria e solfeggio classici, per intenderci!). Comprende il canto e l’utilizzo del corpo: eh si, anche quello serve se vogliamo imparare a scrivere e leggere la musica in modo divertente e fruttuoso, senza dimenticarcelo dopo qualche anno (come è successo a tutti noi con il solfeggio tradizionale)!

Musindò Pianoforte

Ed è proprio da li che viene il nome di Musindò: un nome in cui il DO fosse centrale, proprio questo DO Mobile così importante e che così rivoluziona il nostro modo di apprendere la musica. La radice MUSI è ovviamente un chiaro rimando all’ambito in cui il progetto muove, e cioè la musica nella sua interezza.

Musindò è un nome che mi ricorda sempre dove voglio che arrivino i miei bimbi: non più solo fino ai 6 anni, senza strumento, ma la musica come compagna di vita che non li abbandoni mai, finanche su uno strumento se e quando lo desidereranno.

Ora che ti ho raccontato qualcosa in più di me e di Musindò, ti va di raccontarmi come è stata la tua di esperienza con Musindò e lasciare una recensione sulla pagina? Puoi farlo qui sulla pagina Fb di Musindò.

Nel prossimo articolo del blog ti anticipo che troverai un invito speciale per te: ho pensato ad appuntamenti anche per i genitori, una specie di aperitivo iniziale in cui ci possiamo incontrare e parlare dei corsi, prima di cominciare l’anno ad Ottobre.

Marta

ATTIVITA’ MUSICALE SULLA DURATA DEI PATTERN RITMICI

attività musicale musindò

Oggi lavoriamo sul gesto corporeo che ci aiuta a far sperimentare ai bambini la durata dei pattern ritmici di quattro macrobeats.

Nelle classi Musindò di bimbi dai 6 anni in su, con la Music Learning Theory, in questo periodo dell’anno ho iniziato a lavorare sulla letto-scrittura: sono tutti bimbi che arrivano da corsi precedenti di guida informale, e che respirano musica fin dai primi mesi di vita. Insomma, bimbi davvero pronti ad una prima infarinatura musicale anche con carta e penna!

musindò scuola di musica

E’ il caso di dire che qui la lettura e la scrittura musicale diventano un vero sostegno alla loro Audiation, e non il contrario: i bambini che hanno seguito questo tipo di percorso sono infatti in grado di “pensare in musica” e sentire il suono nella testa e attraverso il corpo prima ancora di visualizzare il segno grafico (che è poi quello che avviene con l’apprendimento del linguaggio, se vuoi approfondire clicca qui).

In particolare, ho elaborato questa attività sulla durata dei pattern ritmici  perché mi interessava porre l’attenzione sui quattro macro (DU) presenti nel pattern: da un punto di vista visivo, quando scriviamo il pattern in griglia, mettiamo un trattino/puntino per evidenziare i DU ed essere sicuri che ci siano tutti. Mi interessava però, come sempre, che ne facessero anche un’esperienza corporea. 

attività percussioni

Non so se capita anche a voi, ma per alcuni bimbi non è così scontato che il pattern ritmico contenga 4 macro: a volte ne mettono 3, a volte 5 o più. Questo può avvenire un po’ per scarsa esposizione ai pattern, o mancata interiorizzazione: ho pensato quindi che potevo potenziare questa sensazione fisica del pattern anche nella fascia d’età precedente.

Con i bimbi di 5-6 anni infatti lavoro con un percorso che li porta in modo dolce ma sistematico dalla guida informale all’istruzione formale: parallelamente allo sviluppo della musicalità attraverso brani guida e pattern, attività musicali e guida all’ascolto, porto avanti tutto un lavoro di sperimentazione e conoscenza degli strumenti musicali in modo che il bambino possa arrivare alla fine dell’anno a compiere una scelta consapevole dello strumento che vorrebbe imparare a suonare.

Questo bellissimo tappeto (IKEA) si presta molto all’attività musicale sulla durata dei pattern ritmici: file di bottoni colorati su cui possiamo comodamente spostarci e saltare “da un macrobeat all’altro”.

chitarra bambini musica

L’ attività musicale per approfondire la durata del pattern ritmico funziona così:

  1. Tutti i bambini si mettono in fila sul lato corto del tappeto, in modo da avere davanti a sé almeno 4 bottoni
  2. L’insegnante si posiziona o di fianco a loro o su un bottone frontale rispetto ai bambini
  3. L’insegnante canta un pattern ritmico in metro binario (a scelta), di quattro macro, rimanendo sullo stesso bottone. Poi lo ripete compiendo 4 passi, uno per ogni bottone.
  4. I bambini ripetono il pattern compiendo 4 passi in avanti, uno per ogni bottone.
  5. Ripetere più pattern, tutti insieme o un bambino per volta.

attività musicale musindò

E’ possibile anche fare in modo che ogni bambino inventi un pattern ritmico, della durata sempre di 4 macro: in questo modo si può lavorare su un primo approccio all’improvvisazione ritmica, unendo un gesto di coordinazione importante. Ho notato ad esempio che alcuni bambini, pur cantando il pattern correttamente di 4 macro, non riescono a coordinarsi con i quattro passi in avanti. Proporre sistematicamente questo esercizio per più lezioni può aiutarli a famigliarizzare con tutti questi aspetti.

E, per i bambini, è un modo diverso di ascoltare e ripetere pattern ritmici molto divertente!

 

Marta – Una Maestra di Musica

INSEGNARE MUSICA AGLI ADOLESCENTI

musica e tecnologia

Insegnare musica è per me una grande fonte di soddisfazione personale: entrare nei meccanismi che regolano l’apprendimento musicale, che ci permettono di sviluppare una determinata tecnica, di affrontare più facilmente un percorso su uno strumento è qualcosa che mi affascina da sempre.

Nel mio lavoro, insegno musica veramente a tutte le età: dai bambini di pochi mesi con i genitori, fino agli adulti che vogliono avvicinarsi ad uno strumento da principianti. Questo mi ha permesso negli anni di affinare le mie tecniche d’insegnamento, grazie anche a tanta formazione personale, e di addentrarmi anche in quelle fasce d’età in cui il mio lavoro richiede un’attenzione maggiore.

E qual è secondo voi la fascia più interessante, da questo punto di vista?

L’ADOLESCENZA, che domande!

musica ragazzi
Insegnare musica agli adolescenti, strategie

Insegnare musica agli adolescenti è una sfida continua: dal ragazzo supermotivato, a quello che viene costretto a studiare musica dai genitori (eh già, esiste ancora questa brutta abitudine!). Ma soprattutto, quando affronti un percorso con un adolescente, devi continuamente stare al suo passo, essere pronto a tornare indietro, maturare insieme a lui/lei, e sapere anche che prima o poi dovrai lasciar andare (che credo sia una delle cose che spaventi di più molti miei colleghi).

Uno dei percorsi più interessanti di quando insegno musica agli adolescenti, al di là della tecnica strumentale, è passargli la letto-scrittura musicale: in particolare, renderli autonomi nella creazione di musica originale.

Ma come, inizi dalla composizione quando insegni a leggere e scrivere?

No, certo, che no: o almeno, non da zero. Un adolescente che inizia a leggere e scrivere musica insieme a me, ha già dentro di sé un sacco di informazioni musicali in tanti piccoli cassetti: dai pattern, al senso oggettivo di tonalità e metro, l’intonazione… per questo so di potermi permettere un passettino più in là, che rende la letto/scrittura più interessante del classico vecchio solfeggio.

E’ sempre molto importante infatti badare attenzione che la musica arrivi da processi interni di Audiation, e non dal pezzo di carta che abbiamo davanti.

 

Quando un bambino inizia a leggere e scrivere infatti, qual è una delle prime cose che vuole sperimentare? La creazione di frasi proprie, pensierini, che a volte si concretizzano in piccoli “libri”, incollando le pagine insieme per rendere tutta la pubblicazione più veritiera. Perché non dovremmo poter fare tutto ciò anche con la musica?

Dopo le prime nozioni di pentagramma, macrobeat e microbeat, lettura con il do mobile dei pattern, tendo subito a spingere l’allievo a creare delle piccole frasi musicali, data una linea di basso stabilita insieme. Questo ci permette di lavorare su più fronti contemporaneamente: scrittura musicale, collegamenti e cadenze, composizione, ripasso dei concetti base…

E questo lo faccio a prescindere dallo strumento che un allievo suona: dal solista, allo strumentista accompagnatore, acquisire la letto-scrittura in questo modo, con un ampio sguardo alla parte compositiva, aiuta anche a sviluppare un rapporto più personale con il proprio strumento.

Tutto questo lavoro contribuisce inoltre alla crescita musicale e sociale dell’allievo, soprattutto adolescente, che è in continua ricerca di mezzi comunicativi con il mondo esterno.

musica e tecnologia
Come rendere più interessante la letto-scrittura musicale con i ragazzi?

E se a tutto questo aggiungiamo un pizzico di divertimento?

I dispositivi tecnologici, si sa, sono ormai il pane quotidiano di questi ragazzi: invece di guardarli sempre con sospetto, possiamo introdurli a poco a poco nel nostro insegnamento in modo funzionale all’apprendimento (certo, senza tralasciare il buon vecchio metodo “carta e penna”, che rimane il mio preferito). E’ possibile renderli quindi autonomi, se muniti di un pc, con programmi di facile installazione (personalmente mi trovo bene con Musescore, immediato e veloce), e svolgere quanto proposto sopra con il medesimo obiettivo della letto/scrittura.

Per suggerimenti e strategie sulla letto/scrittura contattami: marta@musindo.it

Marta – Una Maestra di Musica